Breve storia di (quasi) tutto

Breve storia di quasi tutto - Bill Bryson

Sono felice di parlarvi del saggio scientifico Breve storia di (quasi) tutto di Bill Bryson. Chi mi segue su Facebook sa bene quanto questa lettura sia stata apprezzata perché non è passato giorno in queste ultime settimane senza che io abbia citato o consigliato questo splendido libro. Ora che l’ho terminato, posso finalmente parlarvene anche qui sul blog.

Breve storia di (quasi) tutto di Bill Bryson è un saggio scientifico diviso in sei grandi parti principali che, partendo dal cosmo e dal Sistema Solare, ci accompagna a scoprire il pianeta Terra raccontandoci la nascita delle scienze che nel tempo ci hanno permesso di comprendere il mondo in cui viviamo, come la chimica, la fisica, la geologia o l’antropologia; ci mostra come il pianeta su cui abitiamo non è poi quel luogo sicuro che noi tendiamo a credere; ci parla del miracolo della vita mettendoci di fronte al fatto che la natura è una macchina perfetta e che se noi oggi siamo qui è perché una serie di eventi, tutti praticamente improbabili, si sono verificati con un ordine e delle tempistiche perfette; ci parla di noi: chi siamo, da dove arriviamo e dove stiamo andando.

Bill Bryson mi ha catturato fin dalla prima pagina di questo incredibile lavoro, un libro che è il risultato di anni di ricerche e interviste a esperti dei più disparati settori di ricerca in giro per il mondo, un progetto ambizioso che solo una persona animata da una grande voglia di sapere e di comprendere i segreti di ciò che lo circonda avrebbe potuto portare a termine. Questo desiderio di conoscenza traspare da ogni pagina e, inevitabilmente, contagia il lettore.

Breve storia di (quasi) tutto è un libro ricco di curiosità e di aneddoti affascinanti raccontati con uno stile unico, ricco di umorismo che, da quanto ho capito, è il marchio di fabbrica di questo autore. Leggendo queste pagine farete la conoscenza degli illustri personaggi che nei secoli scorsi, hanno dedicato la loro vita alla scienza e allo studio della Terra e che ci hanno lasciato una grande eredità; scoprirete che le grandi menti dietro alle più celebri scoperte scientifiche spesso nella vita si interessavano a diverse discipline: erano fisici, chimici, geologi e, a volte, semplici custodi di biblioteche. Scoprirete che Lavoisier, scienziato a cui dobbiamo numerose scoperte quali quella dell’ossigeno e la prima legge di conservazione della massa, ebbe la sfortuna di bisticciare per questioni scientifiche con un tale Marat che, qualche anno dopo divenne, assieme a Robespierre e Danton, uno dei fondatori della Rivoluzione Francese: vi lascio immaginare la fine fatta dal povero Lavoisier. Imparerete che la scienza è terreno di battaglie continue e che qualsiasi scoperta – dall’età della Terra, alla tassonomia, ai dinosauri – è motivo di litigi, rappresaglie e ripicche da parte degli addetti ai lavori. Scoprirete anche che, neanche troppi anni fa, la radioattività era considerata un toccasana per la salute e per questo esistevano dentifrici e molti altri prodotti di uso quotidiano arricchiti con elementi radioattivi e altri materiali estremamente pericolosi.

Insomma, leggendo questo libro avrete la possibilità di imparare tantissime cose interessanti, di conoscere decine e decine di curiosità storiche e scientifiche che sapranno lasciarvi a bocca aperta per lo stupore. Il piacevole umorismo di Bill Bryson accompagna il lettore di pagina in pagina e rende la lettura ancora più coinvolgente. Non nego che alcuni degli argomenti trattati siano un po’ complessi, nonostante vengano raccontati in termini davvero semplici, e che la lettura richieda una moderata fatica ma, credetemi, ogni sforzo sarà più che ripagato.

Questo libro mi ha accompagnato per quasi due mesi e un paio di volte ho anche sospeso la lettura per dedicarmi a qualcosa di meno impegnato e più leggero, ma ora che l’ho finito devo ammettere che un po’ ne sento la mancanza: era diventato un appuntamento fisso della giornata in compagnia di un buon amico. Breve storia di (quasi) tutto mi ha permesso di fare la conoscenza di Bill Bryson, autore famoso per i suoi racconti di viaggio e di certo in futuro leggerò altri suoi libri.

Quando ci si trova di fronte a un libro così ricco di contenuto è sempre difficile rendergli giustizia con un breve post. Quello che posso fare è consigliarvi di provare a leggere Breve storia di (quasi) tutto senza fretta, prendendovi il vostro tempo: libri come questo meritano la giusta attenzione e, se sentirete il bisogno di prendervi una pausa fatelo, leggete altro e riprendetelo in mano quando ne sentirete la voglia. Sono convinto che alla fine, che vi sia servito un mese o un anno per terminarlo, vi sentirete arricchiti e soddisfatti da questa splendida lettura.

Ps. Ci tengo a ringraziare la Lettrice Rampante e il suo blog perché ho scoperto questo libro proprio grazie a una sua recensione e, visto l’amore profondo che ne è nato, è bello dare i giusti meriti.

 

Informazioni sul Libro

Titolo: Breve storia di (quasi) tutto (or. A short history of nearly everything)
Autore: Bill Bryson
Traduttore: Mario Fillioley
Editore: Tea
Anno di pubblicazione: 2014 (prima pubblicazione: 2003)
Leggi l’estratto qui: Amazon


Commenti

Breve storia di (quasi) tutto — 4 commenti

    • Io l’ho adorato…si era capito?! Scherzi a parte, è una lettura che a tratti richiede un po’ di sforzo, ma è davvero ricca di curiosità e aneddoti affascinanti. Molto molto interessante. Fammi sapere poi!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>