Sparizione

Sparizione - Tess Gerritsen

Felicissimo di tornare a parlarvi dei romanzi di Tess Gerritsen con il suo Sparizione, il quinto libro della serie dedicata all’agente Rizzoli e al medico legale Isles.

Dopo Il chirurgo (un thriller coi fiocchi, lasciatemi dire), è stato il turno di Lezioni di morte, Corpi senza volto e Il sangue dell’altra (che mi sono appena reso conto di aver perso inspiegabilmente per strada…ma che recupererò a brevissimo).

Con Sparizione la Gerritsen cambia leggermente la trama dei suoi romanzi: tutto ha inizio quando Maura Isles si rende conto che il corpo di una ragazza, ripescato nelle fredde acque della baia, non è affatto un cadavere come si pensava. Ricoverata d’urgenza in ospedale, la ragazza misteriosa scatenerà una serie di eventi inaspettati, occupando l’ospedale e prendendo ostaggi tra cui Jane Rizzoli, prossima al parto. Nessuno capisce cosa abbia in mente, quello che è chiaro è che è terrorizzata e paranoica.

La prima metà del romanzo ruota intorno all’occupazione dell’ospedale e al tentativo, da parte dell’agente dell’FBI Gabriel Dean e della squadra omicidi di Boston, di fare luce su quanto sta succedendo per liberare gli ostaggi e in modo particolare il detective Rizzoli.

Piano piano la matassa si sbroglia e nuovi dettagli vengono alla luce portando a scoprire un complotto che va ben oltre le mura di quell’ospedale.

Devo dire che fra tutti i romanzi di Tess Gerritsen letti fino a oggi, questo è quello che mi ha entusiasmato meno: sebbene nulla ci sia da dire sullo stile sempre impeccabile di questa autrice, la storia manca di quel ritmo che tanto ho apprezzato nei primi capitoli della serie.

Ho avuto anche l’impressione che le due protagoniste indiscusse della serie, in Sparizione, siano poco incisive e questo è un vero peccato quando si ha tra le mani due personaggi di questo calibro.

Lo sfruttamento sessuale di giovani ragazze, tema cardine della storia, viene trattato dalla Gerritsen in modo diretto, crudo e spietato, stile narrativo che la caratterizza e che rappresenta probabilmente il suo punto di forza. Un tema, questo, che scatena nel lettore sensazioni contrastanti, dalla rabbia al disgusto nei confronti degli sfruttatori fino a grande tristezza e pena per le povere ragazze perché, e lo si sa molto bene, la finzione non è poi così lontana dalla realtà.

Detto questo, Sparizione è un romanzo che si legge con piacere e, sebbene meno coinvolgente dei precedenti, non va di certo evitato, soprattutto per chi, come me, ha deciso di leggere tutto il ciclo di romanzi. A proposito, ho già cominciato il successivo: il Club Mefistofele. A prestissimo!

 

 

Informazioni sul Libro

Titolo: Sparizione (or. Vanish)
Autore: Tess Gerritsen
Traduttore: A. Tissoni
Editore: TEA

Anno di pubblicazione: 2016 (prima ed. originale 2005)


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>