Nel fuoco

Nel fuoco - Douglas Preston e Lincoln Child

Dopo una lunga attesa è finalmente uscito Nel fuoco (2014), il tredicesimo romanzo di Douglas Preston e Lincoln Child dedicato all’agente speciale Pendergast. Inutile dire che non stavo nella pelle!

Ho terminato la lettura solo pochi minuti fa ed eccomi qui subito pronto a parlarvene perché si tratta di un ritorno davvero in grande stile per questo eccentrico agente speciale dell’FBI. Non potevo aspettare!

A Roaring Fork, piccola ed elitaria meta turistica per milionari americani, vengono effettuati degli scavi per spostare un antico cimitero allo scopo di fare posto a un nuovo centro benessere di lusso,. Un’occasione imperdibile per Corrie Swanson, aspirante agente dell’FBI, per dare una svolta alla sua carriera universitaria osservando e studiando gli scheletri di alcuni minatori brutalmente uccisi e divorati da un temibile orso grigio oltre un secolo prima.

Le cose per lei non saranno semplici: qualcuno farà di tutto per metterle i bastoni tra le ruote ed evitare che le sue analisi riportino alla luce alcuni segreti da tempo sepolti. Come se non bastasse, un sadico piromane seriale inizia a uccidere diverse persone bruciadole vive nelle loro lussuose ville. Un nuovo caso per l’agente Pendergast che, dopo aver concluso l’indagine sulla moglie Helen, corre in aiuto di Corrie per aiutarla a consegnare alla giustizia un altro assassino.

Ho aspettato davvero con impazienza questo nuovo romanzo di Preston e Child perché, come ormai saprete, sono un fan sfegatato dell’agente Pendergast e vi dico subito che Nel fuoco ha persino superato le mie aspettative, rivelandosi un thriller dal ritmo incalzante e molto avvincente.

La cosa più apprezzata è stata il ritorno di Corrie Swanson, personaggio apparso per la prima volta nel quarto romanzo della serie, Natura morta, che a mio parere è uno dei meno belli e nel quale rivestiva un ruolo secondario. In questo nuovo libro il suo personaggio viene elevato a principale con grande successo: una ragazza tenace, testarda e decisa, ma allo stesso tempo fragile e insicura; un personaggio imperfetto, diametralmente opposto a Pendergast e all’infallibilità alla quale ormai ci ha abituati.

La trama è coinvolgente e articolata ed è facile riconoscere lo stile unico di questi due autori capaci di tessere una fitta rete di indizi che dai freddi monti americani giunge fino a Londra arrivando a portare sul banco dei testimoni due celebri personaggi del panorama letterario mondiale come Oscar Wilde e Arthur Conan Doyle. Mescolando perettamente storia e scienza, Preston e Child danno vita a un nuovo caso ricco di colpi di scena e di emozioni forti utilizzando, forse per la prima volta, anche immagini piuttosto violente.

Nel fuoco è sicuramente un ottimo thriller che entra di diritto tra i migliori romanzi della serie e che consiglio senza dubbio a tutti gli amanti del genere. Per quanto mi riguarda non mi resta che attendere, più o meno pazientemente, il prossimo caso.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>