La ruota del buio

La ruota del buio - Douglas Preston e Lincoln Child

Dopo qualche settimana, eccomi di nuovo a parlarvi di un romanzo di Douglas Preston e Lincoln Child: La ruota del buio, ottavo thriller dedicato all’ormai celebre agente speciale Pendergast pubblicato nel 2007.

Dopo la bellissima trilogia dedicata a Diogenes, ecco un nuovo caso per il geniale Aloysius Pendergast.

L’Agozyen è un misterioso manufatto custodito all’interno di un tempio buddista in Tibet. Nessuno è a conoscenza del suo vero potere, nemmeno i monaci che da oltre mille lo custodiscono fedelmente.

Come ogni anno il monastero si prepara a celebrare la sacra festa di apertura delle porte della stanza segreta dove è custodito l’Agoyzen, ma questa volta qualcosa turberà profondamente la quiete di questo sacro luogo: il manufatto è infatti misteriosamente sparito. Pendergast e Costance Greene saranno incaricati di recuperare l’Agozyen prima che finisca nelle mani sbagliate, prima che qualcuno scateni la sua terribile forza.

Devo dire che ho trovato la trama de La ruota del buio un po’ meno efficace dei romanzi precedenti, ma va anche detto che dopo la trilogia di grande impatto dedicata a Diogenes, mantenere lo standard era abbastanza difficile.

Ho sicuramente apprezzato la decisione degli autori di rendere Costance Greene a tutti gli effetti una protagonista di prima linea: fin dalla sua prima apparizione nella serie mi aveva molto colpito per l’aria di mistero che la circondava e, come spesso mi accade, mi ero lasciato affascinare totalmente. Mi aspettavo, o forse è più corretto dire che speravo, in un suo passaggio da personaggio secondario a protagonista della serie. La consacrazione di Costance avviene con Diogenes e il suo personaggio si evolve fino a svelarne lati assolutamente inaspettati. Probabilmente la scelta di dare tanta importanza a Costance è stata dettata soprattutto da una necessità di rinnovo e devo dire che ha svolto il suo compito egregiamente.

Sebbene meno di impatto rispetto ai precedenti, come sempre Preston e Child non deludono le aspettative regalando ai fan un nuovo romanzo ben scritto, scorrevole e  avvincente che saprà regalare anche qualche interessante e inaspettata sorpresa.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>