Codex

Codex - Lev Grossman

Codex di Lev Grossman è un romanzo dalla trama convincente, tanto convincente da spingermi a comprarlo senza che avessi mai sentito parlare né del romanzo né del suo autore. In pratica un salto nel buio.

Da amante dei thriller e dei libri non potevo però resistere ad un romanzo che parla di manoscritti antichi e di un mistero ad essa legato…insomma, un connubio perfetto!

New York. Edward Wozny è un giovane e affermato consulente finanziario. Dopo quattro anni passati lavorando senza sosta ogni giorno e giocando a MOMO, un videogioco online, di notte, decide finalmente di prendere una pausa e godersi una meritata vacanza. Poco prima della sua partenza un’importante cliente, la contessa di Bowmry, gli chiede un favore: valutare una collezione di libri antichi comprendenti una misteriosa opera di Pervase di Langford, un monaco trecentesco, a cui la contessa sembra tenere in modo particolare. Aiutato dalla studiosa Margaret Napier, dubbiosa sulla reale esistenza di questo antico manoscritto, Edward resta sempre più coinvolto in una ricerca che lentamente apre le porte a intrighi, misteri e incredibili analogie con il videogioco online che gli ha rubato il sonno negli ultimi mesi.

Come vi anticipavo, una trama veramente interessante che colpisce per le potenzialità narrative che racchiude. Non amo molto fare recensioni negative, ma devo dire che questo libro è stato davvero deludente. Mi aspettavo veramente molto di più. La storia si sviluppa lentamente e senza significativi colpi di scena; la narrazione è piuttosto piatta tanto da ritrovarsi a tre quarti del libro e pensare “E quindi? Succederà qualcosa?”.

L’unico colpo di scena, che dovrebbe dare la svolta tanto attesa al racconto, è oggettivamente l’unico possibile e quindi decisamente aspettato. I personaggi mi sono inoltre sembrati poco personificati e sviluppati solo superficialmente: non sono riuscito a trovare un punto di incontro con loro, come invece avviene spesso durante una lettura coinvolgente.

Dovendo essere sincero, non mi sentirei di consigliare la lettura di Codex. Resta inteso che il piacere è soggettivo e quindi ciò che non è piaciuto a me potrebbe invece essere apprezzatissimo da altri. Se lo avete letto fatemi sapere che cosa ne pensate: sono veramente curioso di sapere la vostra opinione su questo romanzo.


Commenti

Codex — 2 commenti

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>