Natura morta

Natura Morta - Douglas Preston e Lincoln Child

Dopo qualche settimana, eccomi di nuovo con un romanzo di Douglas Preston e Lincoln Child, dal titolo Natura Morta del 2003. Quarto libro della serie dedicata all’eccentrico agente speciale Pendergast, è quello più slegato dal resto dei romanzi e, a mio parere, anche quello meno avvincente.

Medicine Creek, Kansas. In un campo di grano viene trovato il cadavere smembrato di una donna, vittima, a quanto sembra, di una specie di sacrificio rituale: intorno al corpo senza vita sono state conficcate nel terreno alcune lance indiane a formare un cerchio e, su ognuna di esse, giace infilzato il corpo di un corvo. Un omicidio efferato che turba la quiete di una cittadina tranquilla, sconvolta e preoccupata di trovarsi di fronte ad un folle pronto a mietere altre vittime.

Il caso attira rapidamente l’attenzione di Pendergast che, aiutato da Corrie Swanson, ragazza intelligente e problematica, è pronto a trovare l’assassino prima che faccia altre vittime.

Come vi anticipavo, Natura morta è probabilmente il libro della serie che ho meno apprezzato. L’ho trovato meno brillante e meno avvincente dei precedenti (e, volendo fare un salto nel futuro, anche dei successivi). A differenza degli altri romanzi, è caratterizzato da una trama più lineare e più lenta, che si discosta dallo stile a cui ci hanno abituati gli autori.

Questo libro è inoltre del tutto scollegato dal resto della serie ed è in tutto e per tutto un romanzo autonomo. Una sorta di interludio che accantona momentaneamente il lato misterioso di Pendergast, sottile filo conduttore comune a tutti gli altri romanzi.

Essendo un caso a sé stante, è possibile saltarlo senza perdere informazioni e dettagli significativi per i libri successivi. Nonostante questo però il consiglio, soprattutto per i fedelissimi, è di leggere comunque questo romanzo perché, in ogni caso, non si tratta di un brutto libro. Inoltre il parere è, per fortuna, del tutto soggettivo e per questo motivo aspetto volentieri di sentire il vostro!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>