Blacklands

Blacklands - Belinda Bauer

Quello che vi propongo oggi è l’avvincente thriller d’esordio di Belinda Bauer, Blacklands.

Scoperto per caso in libreria, mi sono lasciato convincere da una copertina piuttosto cupa e dalla trama originale. Mi sembrava interessante e, contrariamente a quanto si dice, a volte la prima impressione è quella giusta…

Billy è solo un bambino quando scompare senza lasciare nessuna traccia. Tutti in città sono convinti che sia anche lui una delle vittime di Arnold Avery, un pericoloso serial killer catturato dalla polizia e ora in carcere. Ma nessuna prova e nessuna confessione significano nessuna certezza.

Vent’anni dopo, Steven Lamb, un dodicenne come tutti gli altri, vive in una famiglia distrutta, incapace di riprendersi dal dolore di una perdita. Nonostante il tempo passato, lo zio Billy è ancora una presenza ingombrante per tutti: per una madre, che lo aspetta dietro la porta incapace di accettarne la morte; per una sorella, che si sente derubata dell’amore materno da un fratello scomparso; per un nipote, che desidera solo una famiglia felice.

Per questo Steven passa le sue giornate a scavare nell’Exmoor, il luogo dove erano state nascoste le altre vittime, perché solo ritrovando il corpo dello zio tutto avrà finalmente fine. Ed è per lo stesso motivo che Steven decide di scrivere una lettera ad Avery, per chiedergli di svelare una volta per tutte dove ha nascosto il corpo di Billy.

Sarà questo l’inizio di un emozionante e pericoloso rapporto tra un bambino solo e un assassino desideroso di colpire di nuovo.

Ho trovato Blacklands veramente avvincente: Belinda Bauer riesce a rendere quasi tangibili la follia di Avery e la disperazione di Steven attraverso uno scambio di lettere emozionante nel quale il bambino si “traveste” da uomo per ingannare l’assassino e il killer spietato si finge buono per attirare un’altra vittima nella sua rete.

Sebbene si tratti di un thriller, il tema centrale della storia è rappresentato dal difficile rapporto tra un bambino, sua madre e la nonna. I toni cupi e malinconici rendono questo romanzo emozionante e coinvolgente, ma allo stesso tempo ricco di suspance. Vi consiglio di leggerlo!


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>