La chimera

La Chimera - Sebastiano Vassalli

Oggi ho deciso di parlarvi de La Chimera, romanzo del 1990 di Sebastiano Vassalli. Ho letto questo libro qualche anno fa, ma mi è rimasto impresso per la straordinaria abilità dell’autore nel raccontare una storia caratterizzata da temi piuttosto forti.

Un romanzo storico ambientato a cavallo tra il ‘500 ed il ‘600, che spesso viene fatto leggere alle scuole superiori, ma che si può apprezzare molto anche da adulti.

Antonia viene abbandonata nella casa di carità di San Michele, a Novara, dove vivrà i primi anni della sua vita allevata dalle suore. All’età di dieci anni una coppia di contadini la acquista per allevarla come una figlia: questo darà la possibilità ad Antonia di vivere in una nuova famiglia e farsi degli amici.

La vita ha però in serbo per Antonia un difficile destino: accusata di stregoneria da alcune ragazze del paese, è costretta a subire un processo da parte dell’Inquisizione, molto attiva durante quegli anni. Poco più che adolescente proverà sulla propria pelle il male che l’invidia e l’odio delle persone sono in grado di causare.

La Chimera è un romanzo dai temi piuttosto forti, ma trattati con incredibile abilità da parte di Sebastiano Vassalli. Si tratta come avrete capito di una storia piuttosto triste che vede la vita accanirsi contro una ragazza da sempre sfortunata. Purtroppo questa storia rappresenta perfettamente uno dei più cupi periodi storici vissuti dall’uomo, la terribile caccia alle streghe che a in quei secoli ha causato un altissimo numero di vittime.

Vi consiglio davvero di leggere questo romanzo perché può essere un interessante spunto per capire come l’uomo, accecato da sete di vendetta, da invidia e stupidità, sia riuscito a lasciare un altro segno (brutto) nella storia. Come ho già detto è una lettura generalmente proposta ai ragazzi delle superiori, ma non è mai troppo tardi per leggere un bel romanzo come questo.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>