Cuore di tenebra

Cuore di tenebra - Joseph Conrad

Il libro di cui voglio provare a parlarvi oggi è Cuore di tenebra di Joseph Conrad, un romanzo pubblicato nel 1902 che desideravo leggere da molto tempo e che per questo motivo fa parte della mia lista di libri da leggere assolutamente.

Un romanzo complesso e profondo che si presta a numerose possibili interpretazioni, ma in questa recensione proverò a raccontarvi quello che ha trasmesso a me.

Sul Tamigi una nave aspetta paziente che la marea le conceda il suo favore, che le permetta di prendere il largo e di affrontare il lungo viaggio che la attende. Nell’attesa, a bordo, un marinaio di nome Marlow racconta la storia di un viaggio nel cuore dell’Africa che lo ha portato molto vicino al Male, di fronte al cuore di tenebra.

Rimasto senza lavoro, Marlow decide di imbarcarsi su una nave della Compagnia, diretta nel centro dell’Africa, una terra misteriosa e sconosciuta, così lontana dalla grande Europa. Dopo un lungo viaggio raggiunge la base centrale della Compagnia il cui interesse principale è razziare ed esportare l’avorio, prezioso materiale ricercato in Europa e di cui la selvaggia Africa è ricca.

Qui per la prima volta sente parlare di Kurtz, un uomo che da solo si è spinto nel cuore di questo inospitale continente, che da solo riesce a procurare incredibili quantità di avorio, un uomo il cui nome è già leggenda, temuto,  ammirato e al tempo stesso odiato, un uomo del quale da tempo non si ricevono più notizie. Con un battello fatiscente Marlow si recherà alla base di Kurtz trovandosi faccia a faccia con il male più profondo.

Conrad ha racchiuso in poco più di cento pagine, un romanzo complesso e ricco di interpretazioni. In primo piano c’è il rapporto tra l’Europa e l’Africa, tra lo spietato e avido colonizzatore e l’inferiore indigeno dedito a riti oscuri e malvagi. Il romanzo si apre con un’immagine di pace e tranquillità con una nave ferma e in attesa, unica scena vista dall’esterno dell’intero romanzo. Tutto il racconto del viaggio in Africa è narrato in prima persona da uno dei personaggi che alterna ai ricordi molte emozioni personali col risultato di trasformare il romanzo scritto in un vero e proprio racconto orale e facendo provare al lettore la sensazione di essere lì su quella nave ad ascoltare e aspettare con lui.

Cuore di tenebra è caratterizzato da toni e atmosfere molto cupi che aumentano la sensazione di disagio e che preparano il lettore al punto il cui la storia ha il suo culmine: l’incontro tra Marlow e Kurtz, tra l’uomo in cerca di qualcosa che fondamentalmente non conosce e l’uomo che ha trovato tutto spingendosi oltre il limite del Male dal quale non è più i grado di uscire.

Tutto il romanzo è enigmatico e indefinito, non arrivando mai a definire in cosa consista effettivamente questo male ed è proprio questa apertura che ha permesso negli anni diverse interpretazioni.

Cuore di tenebra è sicuramente un libro piuttosto complesso, ma molto bello e capace di regalare emozioni davvero diverse a chi lo legge.


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>