Lo Hobbit

Lo Hobbit - Tolkien

Lo ammetto, l’imminente uscita del film ha di sicuro contribuito a convincermi a leggere questo libro…della serie adesso o mai più! Una volta scoperta la fine, diciamocelo, la voglia spesso passa. Ora che l’ho letto non mi resta che aspettare l’uscita del film per poter tornare di nuovo nel fantastico mondo creato dall’incredibile mente di Tolkien. Ma, per il momento, cominciamo a parlare del libro.

Lo Hobbit è uno dei romanzi più famosi di Tolkien insieme al Signore degli Anelli di cui, per altro, può essere considerato il prequel.

Protagonista indiscusso del racconto è lo hobbit Bilbo Beggins che grazie allo stregone Gandalf (o per sua colpa…dipende molto dai punti di vista!), si ritrova suo malgrado al seguito di un gruppetto di nani intenzionati a recuperare il loro tesoro perduto nel cuore della Montagna Solitaria. Tesoro che, per rendere le cose più interessanti, è sorvegliato dal terribile drago Smaug.

Ma Smaug non sarà che l’ultimo dei loro problemi: durante il viaggio la piccola compagnia dovrà fare i conti con Orchi, Troll, Mannari e molte altre creature che si dimostreranno per niente amichevoli.

Per fortuna non mancherà chi cercherà di dare una mano ai protagonisti: tra uomini, elfi e grandi aquile, incontreremo per la prima volta alcuni dei personaggi del Signore degli Anelli, come Elrond e il re delle Aquile. Faranno inoltre la loro comparsa anche Gollum e il suo Tessssorro più caro, evento da cui avrà origine la splendida trilogia de Il Signore degli Anelli.

Insomma, un’avventura con la A maiuscola, raccontata quasi come una fiaba, con un linguaggio semplice e piacevole che la rende adatta a grandi e piccoli.

Lo consiglio a chi, come me, ancora non lo ha letto, a chi ama il genere, ma anche a chi non è proprio un fan del fantasy: Lo Hobbit è un inizio perfetto. E chissà, magari potreste cambiare idea!

Al solito, fatemi sapere cosa ne pensate!


Commenti

Lo Hobbit — 2 commenti

    • A me è piaciuto anche se meno de “Il Signore degli Anelli”. Questo è un po’ più fiabesco, un racconto per ragazzi, meno cupo del suo famosissimo seguito. Certo, è un genere particolare che deve piacere altrimenti può risultare noioso. Il film che hanno tratto (la trilogia anzi…) non mi è piaciuta per nulla invece.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>