Malala al cinema, ma non troppo

Locandina Film Malala

Mentre scrivo questo post sono molto arrabbiato o forse sarebbe meglio dire molto deluso. Da mesi si parla del film dedicato alla vita della giovane Malala Yousafzai, premio Nobel per la Pace dello scorso anno e forte voce che si batte per il diritto all’istruzione delle donne.

Tempo fa vi ho parlato del suo libro Io sono Malala e approfitto anche per consigliarvene di nuovo la lettura anche perché, pare, il film sarà solo per pochi. Ieri, 5 novembre, finalmente Malala arriva nelle sale cinematografiche italiane e io, che lo aspettavo da tanto, ho provato subito a informarmi sugli orari. Provato è il termine giusto perché, ho scoperto, il film è proiettato solo in ventiquattro sale. Anzi, 24, scriviamolo in cifre che rende ancor meglio l’idea: 24 su diverse centinaia di cinema disponibili. Per fare un paragone, il film dei Peanuts è proiettato in 484 sale e Spectre: 007 in 502. I dati provengono dal sito MyMovies (il 6 novembre).

Scrivo di getto e spero che, nei prossimi giorni, che il numero delle sale aumenti vertiginosamente. Abbiamo per una volta la possibilità di vedere qualcosa di intelligente, di culturale, soprattutto in questo periodo dove non si riesce ad accendere la televisione senza sentir parlare di terrorismo, dove per colpa di questi estremisti anche i pregiudizi aumentano giorno dopo giorno. Abbiamo la possibilità di portare gli studenti delle scuole a vedere la storia di una ragazzina coraggiosa, una studentessa come loro che, a differenza loro, ha dovuto lottare per istruirsi, ha rischiato la vita per i libri. E cosa facciamo? Niente. Proiettiamo il film in una manciata di sale costringendo gli eventuali temerari a farsi decine (o centinaia) di chilometri per vederlo. Quanti lo faranno?

Se nei prossimi giorni le cose cambieranno sarò felice di aver sbagliato, ma fino ad allora la sola parola che mi viene in mente è tristezza e la sola domanda è perché?


Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>