Diario di un Lettore Pendolare: Sogno o son desto?

Diario di un lettore pendolare #18 - Sogno o son desto

Lunedì 19 ottobre.

Il treno arriva in stazione praticamente puntuale. Già mentre ci scorre davanti agli occhi frenando, qualcosa di strano colpisce la nostra attenzione di pendolari DOC. Un dettaglio, qualcosa che manca, qualcosa fuori posto.

Appena il treno si ferma e le porte si aprono ecco l’anomalia che ci colpisce come una badilada in piena faccia: il treno è quasi vuoto. Decine di sedili liberi che aspettano di essere occupati, nessun pendolare in piedi e, soprattutto, nessun bisogno di tirar fuori l’ariete da sfondamento per aprirsi un varco tra i pendolari accalcati proprio davanti alle porte.

Timidamente e con fare guardingo saliamo e ci sediamo, visibilmente confusi. C’è chi pensa di essere ancora a letto, a sognare un mondo perfetto che non esiste; c’è chi si aspetta di finire su YouTube il giorno dopo, vittima di una maligna candid camera; c’è chi si domanda preoccupato “Oh cavolo…ma ho sbagliato treno?!

Il viaggio riprende e le stazioni si susseguono tranquille fino a che, improvvisamente, sentiamo lui, il terribile ronzio:

Zzz

Iperventilazione collettiva.

Si avvisano i passeggeri che siamo in arrivo alla stazione di Rho Fiera Expo Milano 2015“.

Va bene, niente panico, annuncio di routine… Tutti riprendono a respirare normalmente. E poi, a tradimento:

Zzz

E avvisiamo anche che, causa guasto al materiale rotante (E chapeau! Mr Trenord, questa è davvero geniale) questo treno terminerà la sua corsa a Milano Certosa.

E l’universo ritrovò il suo equilibrio.

(E per la seconda volta questo mese, dopo aver pagato un abbonamento, andiamo a regalare 2.50 € all’ATM…)

Materiale Rotante

 

Il Diario di un Lettore Pendolare ossia piccole (dis)avventure e riflessioni di un accanito #lettorependolare. Leggi qui il primo post di presentazione.


Commenti

Diario di un Lettore Pendolare: Sogno o son desto? — 3 commenti

  1. Pingback: Diario di un Lettore Pendolare: Sogno o son desto? | Paoblog.net

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>