Diario di un Lettore Pendolare: È sovraffollato!

Diario di un lettore pendolare #8 - è sovraffollato

Lunedì, ore 18.20 circa. Arrivo alla mia bella banchina sotterranea e, libro alla mano, mi metto nel solito punto bel collaudato ad attendere il treno previsto tra circa cinque minuti. “Treno per Varese in arrivo al binario 2“. Molto bene, puntuale al secondo. Con la coda dell’occhio lo vedo scorrere davanti a me mentre imperterrito continuo a leggere. Stridio di freni, alzo lo sguardo e il treno non cè…

…o meglio, non è dove avrebbe dovuto essere. La transumanza di pendolari che, alla stregua di un gregge di ovini, migra alla mia sinistra mi fa presto realizzare il problema: ora di punta, metà dei vagoni. Mr Trenord ha deciso di farci soffrire un po’ per cominciare ad abituarci all’Expo.

Fortunatamente quando arriva alla la mia stazione è ancora semivuoto quindi riesco a sedermi. Partiamo e alla stazione successiva, come previsto, una folla assatanata realizza il dramma: treno cortissimo. Come un esercito di cyborg programmati per uccidere hanno un solo obiettivo: salire per primi, tutti gli altri sono sacrificabili. Passano i minuti e… Din-Don!

Si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo perché questo è sovraffollato

Fra me e me penso: sì bello, figurati, hai così da cantare.

Non so come tutti salgono e il treno riprende il suo percorso. Stazione successiva scendono in tre, salgono in trecento. Din-Don!

Si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo perché questo è sovraffollato

Inevitabilmente qualcuno resta giù, schiumando di rabbia e stramaledicendo il sadismo di Mr Trenord che manda i treni corti nelle ore di punta milanesi.

La marcia riprende e, dopo qualche minuto il treno inizia a rallentare in previsione della stazione successiva. Non siamo ancora fermi che… Din-Don!

Si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo perché questo è sovraffollato” Crrr-Crrr “Marco, ma mi sentono?” Crrr-Crrr “Treno sovraffollato, si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo diretto a Varese“.

Allora, con tutta la buona volontà: è lunedì quindi già partiamo inaciditi per principio; siamo nella frenetica e impaziente Milano; credi davvero che la gente aspetti trenta minuti (se tutto va bene) per prendere il prossimo treno solo perché il tuo capo è un imbecille? Come giustamente faceva notare la signora di fronte a me “certo, a te se tardi ti pagano gli straordinari, noi arriviamo solo a casa mezz’ora dopo” (perché, per chi non lo sapesse, più i treni tardano e più il personale viene pagato, come potete leggere qui).

Si riparte e di nuovo si rallenta. Din-Don! “Si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo perché…” TOC! Silenzio. Penso: è fatta, qualcuno lo ha steso. In effetti aveva rotto. Din-Don! Nuova voce: “Si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo perché questo è sovraffollato. Grazie.” Educato questo.

Si riparte. Si rallenta. Din-Don! La vecchia voce si è ripresa dalla botta. “Si invitano i passeggeri a prendere il treno successivo perché questo è sovraffollato

Il treno frena, è la mia stazione. Va bene, io ora scendo, ma qualcuno per favore dica a quel genio incompreso del capotreno che l’altoparlante si sente solo all’interno, soprattutto se parla prima ancora di arrivare in stazione e che, fino a prova contraria, chi lo sente, sul treno, ci è già salito.

 

Il Diario di un Lettore Pendolare ossia piccole (dis)avventure e riflessioni di un accanito #lettorependolare. Leggi qui il primo post di presentazione.


Commenti

Diario di un Lettore Pendolare: È sovraffollato! — 2 commenti

  1. Allucinante! Ma ci rendiamo conto di quali figure di merda colossali – e scusa il francesismo! – faremo davanti al resto del mondo che verrà qui per l’EXPO???
    Già devono sperare di trovarlo aperto e non ancora un cantiere, poi questa efficienza nei servizi che ci contraddistingue sarà la ciliegina sulla torta!
    Poveri noi!!!
    Mi fa sorridere l’altoparlante all’interno del treno che dovrebbe parlare con quelli sulla banchina, ahahahahahhaha il genio della lampada eh!!!

    • Non me lo dire guarda… voglio proprio vedere che ne sarà di noi tra due settimane, anche perché i treni più o meno diretti che pensavo di prendere per schivare il casino Expo, ho scoperto oggi essere spariti. Chissà dove sono andati… Ridatemeli!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>